Sindrome da apnea notturna centrale: cause, sintomi e cure

La sindrome da apnea notturna centrale è una condizione in cui si verifica l’arresto respiratorio durante il sonno, non a causa di un collasso delle vie aeree (come nella sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno), ma a causa della disregolazione della respirazione da parte del sistema nervoso centrale (centro respiratorio).

La causa di tali disturbi può essere la patologia sia del sistema nervoso centrale stesso che del sistema cardiovascolare. Ne parliamo in questo articolo di SleepDeepMe.

Se durante l’apnea ostruttiva, gli sforzi respiratori persistono (tentativi di respirare, nonostante le vie aeree bloccate), allora con l’apnea centrale sono assenti.

Forme di apnea notturna centrale negli adulti

sindrome da apnea notturna centrale

L’apnea notturna centrale primaria è una patologia rara di origine sconosciuta che si manifesta come apnea notturna centrale con una frequenza di oltre 5 all’ora senza una ragione apparente.

Respirazione intermittente alpina – apnea centrale frequente, che porta a disturbi del sonno, quando si sale a un’altitudine di oltre 4000 metri sul livello del mare.

L’apnea notturna secondaria non di Cheyne-Stokes è una sindrome da apnea notturna centrale nei pazienti con coinvolgimento del tronco cerebrale o insufficienza renale cronica allo stadio terminale.

Apnea notturna centrale durante l’assunzione di droghe o altre sostanze – si verifica nei consumatori di oppiacei (tossicodipendenti e pazienti con cancro terminale), principalmente metadone e morfina a lento rilascio.

L’apnea notturna complessa è un aumento degli episodi di apnea centrale nei pazienti sottoposti a terapia CPAP per la sindrome da apnea ostruttiva del sonno. Molto spesso si tratta di un fenomeno transitorio, ma a volte richiede l’uso della terapia BPAP o della servo ventilazione adattativa.

La respirazione di Cheyne-Stokes è l’apnea notturna centrale nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica con un flusso respiratorio a forma di fuso caratteristico. È una condizione diffusa che ha un impatto importante sulla prognosi. Nel resto di questa sezione, considereremo le caratteristiche di questa forma di apnea notturna centrale come un problema medico urgente.

Cause e patogenesi della respirazione di Cheyne-Stokes

Fondamentalmente, la respirazione di Cheyne-Stokes è osservata in pazienti con insufficienza cardiaca cronica, meno spesso in ictus e insufficienza renale cronica.

La frequenza respiratoria di Cheyne-Stokes aumenta con la gravità dell’insufficienza cardiaca (un aumento della classe funzionale di CHF), raggiungendo il 40% tra i pazienti gravi.

Il meccanismo principale per lo sviluppo della respirazione di Cheyne-Stokes è il ristagno nei polmoni, che causa riflessivamente l’iperventilazione, seguito da una diminuzione del contenuto di anidride carbonica nel sangue e dalla soppressione dell’attività del centro respiratorio.

Un rallentamento del flusso sanguigno nello scompenso cardiaco comporta un lento ripristino dell’attività del centro respiratorio all’aumentare dell’ipossia e dell’ipercapnia (crescendo), alternate ad una lenta diminuzione del flusso respiratorio fino ad una completa cessazione della respirazione (decrescendo).

L’alternanza di periodi di apnea (ipopnea) e iperventilazione porta ad un deterioramento dello stato del miocardio e ad un ulteriore aumento dell’insufficienza cardiaca – si sviluppa un circolo vizioso con prognosi in peggioramento nei pazienti con respirazione di Cheyne-Stokes. Con la stessa gravità dell’insufficienza cardiaca cronica, la prognosi nei pazienti con respirazione di Cheyne-Stokes è peggiore che in assenza di essa.

Il quadro clinico della respirazione di Cheyne-Stokes

I sintomi della respirazione di Cheyne-Stokes possono includere eccessiva sonnolenza diurna, disturbi del sonno durante la notte e mancanza di respiro, anche durante il giorno. Potrebbero anche non esserci segni evidenti.

Spesso, la respirazione di Cheyne-Stokes assomiglia alla sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno nelle sue manifestazioni cliniche e questi sintomi possono anche essere considerati un segno di insufficienza cardiaca.

La diagnosi richiede uno speciale esame sonnologico (polisonnografia, ecc.), Che rivela disturbi respiratori caratteristici principalmente negli stadi superficiali del sonno a onde lente.

Trattamento respiratorio di Cheyne-Stokes

I principali obiettivi e indicatori dell’effetto del trattamento respiratorio di tipo Cheyne-Stokes sono:

  • una diminuzione della frequenza dei disturbi respiratori durante il sonno e una diminuzione delle manifestazioni cliniche dei disturbi respiratori;
  • miglioramento della funzione cardiaca (aumento della frazione di eiezione ventricolare sinistra) e diminuzione delle manifestazioni cliniche di insufficienza cardiaca;
  • migliore prognosi, aumento dell’aspettativa di vita senza trapianto di cuore.

I principali metodi di trattamento della respirazione di Cheyne-Stokes nell’insufficienza cardiaca cronica, insieme all’ottimizzazione del trattamento della CHF stessa, sono:

  • La terapia CPAP è il metodo con cui si consiglia di iniziare il trattamento della respirazione di Cheyne-Stokes per la sua disponibilità e il buon effetto in una percentuale significativa di pazienti. Fornisce una pressione positiva fissa delle vie aeree durante il sonno, eliminando l’angoscia respiratoria e migliorando la funzione cardiaca. Nei pazienti che non rispondono alla CPAP, la servoventilazione adattativa (vedere di seguito) è il trattamento di scelta.
  • Terapia BiPAP – ha un effetto simile alla terapia CPAP; nella respirazione Cheyne-Stokes non ha vantaggi significativi rispetto alla terapia CPAP, ma è meno disponibile.
  • L’ossigenoterapia a basso flusso (utilizzando concentratori di ossigeno) è un trattamento economico con un impatto minore sulle manifestazioni cliniche della respirazione e della funzione cardiaca di Cheyne-Stokes rispetto alla terapia CPAP.
  • La respirazione con una maggiore concentrazione di anidride carbonica (utilizzando lo “spazio morto”) e la stimolazione del nervo frenico sono metodi in fase di studio che non si sono ancora dimostrati efficaci nella respirazione di Cheyne-Stokes.
  • La servo-ventilazione adattiva è il metodo più efficace per il trattamento della respirazione di Cheyne-Stokes nell’insufficienza cardiaca cronica, fornendo una diminuzione delle manifestazioni cliniche, un miglioramento della funzione cardiaca e un miglioramento della prognosi in quasi tutti i pazienti.

La servoventilazione adattiva è anche meglio tollerata dalla maggior parte dei pazienti.

Il tuo tempo con il tuo medico potrebbe essere limitato, quindi preparare un elenco di domande ti aiuterà a sfruttare al meglio il tuo tempo insieme. 

Per l’apnea notturna centrale, alcune domande fondamentali da porre al medico includono:

  • Qual è la causa più probabile dei miei sintomi?
  • Ci sono altre possibili cause per i miei sintomi?
  • Di che tipo di test ho bisogno? Questi test richiedono una preparazione speciale?
  • Questa condizione è temporanea o di lunga durata?
  • Quali trattamenti sono disponibili e quali consigliate?
  • In che modo il trattamento o il non trattamento dell’apnea notturna centrale influenzerà la mia salute ora e in futuro?
  • Ho altre condizioni di salute. Come posso gestire al meglio queste condizioni insieme?
  • Ci sono opuscoli o altro materiale stampato che posso portare a casa con me? Quali siti web consigli di visitare?

Oltre alle domande che hai preparato per porre al tuo medico, non esitare a porre domande durante l’appuntamento.

Cosa aspettarsi dal medico prima di richiedere una diagnosi della sindrome da apnea notturna centrale

È probabile che il medico ti faccia una serie di domande. Essere pronti a rispondere può riservare del tempo per esaminare i punti su cui si desidera dedicare più tempo. Il medico potrebbe chiederti:

  • Quando hai iniziato a manifestare i sintomi?
  • I tuoi sintomi sono stati continui o vanno e vengono?
  • Puoi descrivere il tuo programma di sonno tipico?
  • Quanto dormi e dormi profondamente? Quante volte ti svegli durante la notte?
  • Sai se russi?
  • Come ti senti quando ti svegli? Hai il fiato corto?
  • Ti addormenti facilmente durante il giorno?
  • Qualcuno ti ha mai detto che smetti di respirare mentre dormi?
  • Ti manca il fiato quando ti svegli di notte?
  • Hai problemi cardiaci? Hai subito un ictus?
  • Quali medicine stai prendendo?

Leave a Comment

en_USEnglish
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Detected!!!

We have detected that you are using extensions to block ads. Please support us by disabling these ads blocker.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock